LA NUOVA SFIDA ENERGETICA …

… per rendere veramente il futuro ambientale di questo nostro pianeta sostenibile.

Per il BEM ( Building Energy Manager ) questa è una sfida un’opportunità che deve essere colta in modo consapevole e che può portare un notevole risparmio a tutti i livelli .
Oggi l’edificio va pensato come un insieme integrato di sistemi ( elettrico, acqua e gas, struttura ecc. ) che producono degli effetti che si influenzano a vicenda con il risultato di una dispersione energetica a volte molto alta. Proprio come il nostro corpo è costituito da un insieme di sistemi  ( nervoso, linfatico, scheletrico ecc. ) che ci consentono di vivere le nostre giornate con più o meno energia. La sfida oggi è ritornare ad una sostenibilità accettabile per la nostra sopravvivenza in un mondo che presenta sempre più problemi di inquinamento.

In particolare la COMUNITA’  EUROPEA  ha prodotto la serie di normative coniando il famoso “slogan” :  20-20-20 entro il 2020.

In modo semplice e schematico nelle pagine seguenti , o cliccando sui sotto menù SOLUZIONI, abbiamo sintetizzato alcune informazioni di base per rappresentare quanto prodotto dalla Comunità Europea, con focus sul Building e sulla contabilizzazione dell’energia poiché il building energy manager deve necessariamente provvedere entro fine 2016 alla messa in regola degli edifici secondo la norma U-NI10200.

Oltre ad una sintesi del quadro normativo abbiamo riportato anche delle soluzioni pratiche da attuare per mettersi in regola con tale normativa ed una case history su alcune soluzioni tipo adottate concretamente che può aiutare maggiormente a capire le azioni da fare.

sintesi quadro normativo
Clicca per scoprire le SOLUZIONI pratiche
Case History

Contabilizzazione e termoregolazione negli edifici condominiali

il nuovo libro edito da Tecniche Nuove
scritto in collaborazione con l’ Ing. Roberto Rocco.

Il testo affronta il tema dell’evoluzione dell’impianto termico centralizzato verso la misurazione individuale dei consumi di riscaldamento e acqua calda, che determina l’autonomia gestionale delle singole unità immobiliari e la ripartizione delle spese secondo criteri legati ai consumi effettivi di ciascuna.
Il manuale affronta dapprima le ragioni che hanno portato l’Unione Europea a far adottare questi sistemi a tutti gli stati membri entro la fine del 2016.
Si esamina quindi la situazione esistente negli altri paesi europei e le soluzioni adottate, con un approfondimento delle tecniche di contabilizzazione diretta e indiretta dei consumi termici e della misurazione dei consumi idrici.
Si presenta poi il tema strettamente collegato della termoregolazione con considerazioni sul concetto di comfort e sull’effetto virtuoso che l’impiego combinato dei due sistemi induce sugli utilizzatori per un uso più consapevole delle risorse energetiche.
Infine si considerano gli importanti aspetti legati al servizio di lettura e ripartizione delle spese.
Gli argomenti, oltre che descritti con l’ausilio di molti schemi progettuali e tabelle riassuntive, sono affrontati con un linguaggio chiaro e un approccio divulgativo, che ne permettono la lettura a un ampio gruppo di soggetti interessati: progettisti e uffici tecnici, costruttori, imprese di installazione e manutenzione di impianti termici, amministratori condominiali, energy manager e certificatori energetici, insegnanti e studenti degli istituti superiori, delle facoltà universitarie e dei corsi post-universitari, e, in genere, a tutti coloro che sono direttamente coinvolti nel funzionamento del “sistema condominio”.

PARTNERS